Archivio tag: nutella

Alzi la mano chi non ha mai mangiato la Nutella…

Ovviamente la crema super conosciuta l’abbiamo mangiata tutti, io forse un po’ di meno. Essendo nata e cresciuta nella Repubblica Ceca, dove 40 anni fa la Nutella era introvabile, io mangiavo la “Nugeta”, una crema di produzione ceca fatta di arachidi, cacao, latte e non so più di cos’altro (in quegli anni non m’interessavano tanto le etichette). Con la caduta del comunismo si sono aperte le frontiere e anche la Nutella è approdata nel nostro paese. A dir la verità, più o meno fino ai miei 30 anni non rientrava tra i miei cibi preferiti; solo in seguito ho cominciato ad apprezzarla e a mangiarla spesso e volentieri. Avevo messo in atto anche un’escamotage: il barattolo della crema incriminata lo mettevo in freezer, cosi si induriva ed era più difficile mangiarne tanta…

Ora non sto a perdere tempo con la descrizione della Nutella, di cosa è composta, di quanto ci fa male, che il Signor Ferrero ha pensato bene di investire milioni nella pubblicità, poiché in rete di articoli sulla Nutella ne trovate di tutti i colori…

Piuttosto vi dico quanto era difficile trovare un prodotto per sostituirla. Per primo dovevo trovare una cremina dove non c’erano le proteine del latte (per via dell’intolleranza del nostro bimbo). Quindi ho cercato tra le creme di produzione bio e ho trovato qualcosina. Ma… Gli oli vegetali, questi potenti grassi di palma, di colza e compagnia bella, erano onnipresenti,e per quanto coltivati in modo bio, rimangono pur sempre grassi saturi. Poi ho trovato un prodotto accettabile, fatto con olio di girasole. Ma… Senza le nocciole! Ahi ahi senza i grassi buoni e senza le sostanze benefiche che le nocciole contengono. E va bene, pazienza, per un pò di tempo mi sono accontentata. Ho provato ovviamente qualche ricetta da fare con olio di gomito trovata in rete, ma senza grande successo, poiché a casa nostra i giudici sono molto severi!

E poi… Eureka! Ho trovato! Cosa? La crema di cioccolato e nocciole dei Magnifici 20 di Marco Bianchi! Senza grassi aggiunti, senza latte, con le nocciole e con buon cioccolato fondente. Naturalmente l’ho leggermente modificata secondo i miei gusti aumentando un pochino la quantità di nocciole e di latte per renderla ancora più gustosa. Ho fatto conoscere questa ricetta ad alcune amiche che l’hanno battezzata con il simpatico nome “Nutelliva”. Mi dispiace per te Marco Bianchi… ;-). E vai!

foto (12)

Ingredienti:
140 g di zucchero integrale di canna
150 g di nocciole spellate
300 g di cioccolato fondente al 70%
160 ml di bevanda vegetale (soia, riso, avena…)

Nel mixer polverizzate lo zucchero. Aggiungete le nocciole e tritate finché non si sarà formata una vera crema (circa 5 minuti). Unite il cioccolato poco per volta. Solo alla fine aggiungete il latte e frullate ancora per qualche secondo.
Trasferite la crema in una ciotola a bagnomaria e, sempre mescolando, lasciatela cuocere per 20 minuti. Togliete dal fuoco e trasferite in un vaso di vetro. Fate freddare, chiudete con il coperchio e conservate in frigorifero.

Per le mamme munite di Bimby il lavoro si semplifica. Mettete nel boccale lo zucchero e polverizzate 30 sec. vel. 9. Aggiungete le nocciole 30 sec. vel. 6. Raccogliete e fate andare 5 min. vel. 5. Assicuratevi che si stia formando la cremina. Sennò raccogliete di nuovo e continuate. Aggiungete il cioccolato e frullate 1 min. vel. 6. Raccogliete e aggiungete il “latte”, cuocete 6 min. 50° vel. 4. Dopo di che procedete come descritto sopra (trasferite in un vaso di vetro, fate freddare…)

Al momento dell’aggiunta di latte io aggiungo le spezie, un cucchiaino da caffè. A volte la cannella oppure lo zenzero, ho provato anche la curcuma. Vince la cannella.

Questa crema buonissima e sanissima, forse non è cosi spalmabile come la sua “amica Ferrero”, ma vi farà sicuramente piacere mangiarla. Attenzione, rimane sempre molto calorica, quindi andateci piano. Noi la gustiamo spalmata su fette di pane integrale tostate, la uso anche come ripieno per i cornetti di farro che ogni tanto faccio per colazione (e non solo).

foto (14)

Nella scelta della bevanda vegetale vi dico di stare piuttosto attenti nei vostri acquisti. Leggete bene le etichette e diffidate dei prodotti contenenti gli oli vegetali non specificati e gli zuccheri aggiunti non che termini strani, tipo i mono- e digliceridi degli acidi grassi.

Una curiosità. Perché non usare il latte vaccino? Il cacao contiene degli antiossidanti (flavonoidi), per dare benefici, il cioccolato deve essere fondente almeno al 70%.
“ A quanto pare, le proteine del latte sembrano bloccare l’assorbimento dei flavonoidi del cacao e di conseguenza inibiscono fortemente le sue proprietà di combattere i radicali liberi, le dannose molecole che invecchiano le nostre cellule con il loro elevato potere ossidante. I livelli di antiossidanti aumentano immediatamente dopo l’assunzione del cioccolato fondente e tornano ai livelli normali dopo circa quattro ore. Quando si mangia del cioccolato al latte o si beve un bicchiere di latte mangiando il cioccolato fondente, non avviene proprio nulla.” (tratto dal libro di Marco Bianchi)
Interessantissimo, no?

P.S. Grazie Ale!

P.S.2. Aprendo la posta elettronica, eccola qui…

foto (10)

Lo so, lo so… + Iva, – Nutella

2,025 Visite totali, nessuna visita odierna

Topini al cioccolato

di Felicia Zuccaro

INGREDIENTI:
300 gr di frollini al cioccolato (tipo pan di stelle)
100 gr di Philadelphia
2 cucchiai di Nutella
1 cucchiaio di marmellata ( a piacere)
Palline di zucchero e Smarties
Liquirizia x la coda

PROCEDIMENTO:
Sbriciolare i biscotti e unire il Philadelphia. Amalgamare bene. Poi unire la Nutella e la marmellata. Mescolare fino ad ottenere un composto non troppo morbido.
Formare con le mani dei piccoli ovali e metterli in una teglia.
Mettere su ogni ovale 3 palline per formare occhi e naso. Con gli Smarties fare le orecchie e con la liquirizia la coda.
Far riposare almeno un’ora in frigo prima di degustare.

1,874 Visite totali, nessuna visita odierna