Archivio tag: febbre

Veglie

Qualcuno un giorno ha detto che “amore è restare tutta la notte svegli con un bimbo ammalato o con un adulto molto in salute”. Oggi commenterei la prima, ricordando gli ultimi episodi di influenza dei miei pargoli.

Quando il Leone ha la febbre, accorgersene è facilissimo non solo dall’occhione languido ma anche perché parla con insolita velocità…ed ecco che dopo una lunga assenza, puntuale come una visita non gradita, la febbre si presenta in un torrido venerdì d’estate.

Una febbre intensa, alta, con il suo carico di sudore e pallore sul viso paffuto del Leone, ridotto a micino gnaulante ma comunque logorroico…comincia così la lotta per le medicine e lui preferisce addirittura la supposta allo sciroppo…

Antipiretico somministrato ma la temperatura non accenna a scendere…chiedo consigli alla nonna, ad altre mamme, mi inoltro nel mare magnum di internet… altro antipiretico, le ore passano, è ormai notte fonda e la temperatura non scende…chiamo in Pediatria. La voce giovane e decisa della pediatra di turno mi illumina sull’errore da pivellina…e sì, il Leone è cresciuto, ormai viaggia verso i 25 Kg…ci vuole l’antipiretico per bimbi grandi, ormai…

E fu così, che in una torrida notte d’estate, il papi s’incamminò verso la parte opposta della città per comperare l’antipiretico per bimbi grandi, mentre nel frattempo, per far scendere la temperatura, la mamma si dà alle spugnature: fazzoletti bagnati sulla fronte, polsi, ginocchia e caviglie: “Vedi…sono qui con te…” “Sì ma sei cattiva perché mi fai fastidio con questi stracci freddi”…

Verso le quattro del mattino il pupo dorme. Ci prova anche la mamma..pur essendo sicura che…ecco la culletta che dondola… e il piccolo Comandante è pronto per la sua dose di coccole e per la sua poppata dell’alba…

Il Comandante invece ha avuto la sua prima febbre a tre mesi, a gennaio…è passato indenne alla bufera natalizia, quando la casa dei nonni brulicava di bambini e di adulti raffreddati e febbricitanti e accanto al televisore facevano bella mostra sciroppi, antibiotici, cortisonici, antipiretici mentre a intervalli regolari, si udiva costante il ronzio dell’apparecchio per l’aerosol… Ma una notte –naturalmente!- di metà gennaio, mi accorsi che il Comandante era particolarmente giù di tono…e caldo… Abbiamo passato tutta la notte sul divano..mamma seduta, piedi sul tavolino, bebè accoccolato al seno, cercando calore e conforto tra le mie braccia. Ricordo di non aver dormito un attimo ma in compenso ho guardato una bellissima commedia francese, qualche televendita, ho scoperto che i cartoni animati non vanno mai a nanna ma soprattutto ho dato al mio piccolo tutti gli abbracci e i bacetti di cui aveva bisogno.

Amore è restare tutta la notte svegli con un bimbo ammalato o con un adulto molto in salute…della seconda ne parleremo un’altra volta…

1,150 Visite totali, 1 visite odierne

femmine contro maschi

comincio questo post con una domanda:
ma se una mamma ha 3 figli e tutti e tre prendono un virus lo stesso virus, la mamma “VINCE QUALCHE COSA?” tipo slot machine sai quando giri la manovella e ti escono 3 figure uguali …

TOT

ok divento seria!

abbiamo passato un inverno favoloso senza febbre e malanni, tutti i giorni a scuola, nemmeno un giorno perso per malattia allora tu pensi olèèèèè siamo in primavera quest’anno sono stata graziata! Primo giorno di mare, la notte tra sabato e domenica Marco è bollente … 39°! Domenica pomeriggio Gaia non mangia e va a letto … 38 e 1/2!!!!! Lunedi sera Danilo 39°! tutti e tre con la stomatite e che cavoloooooooooooooo!

Adesso elimino Marco povero figlio è piccino proprio non sa manco parlare per esprimere dove ha dolore quindi è anche giusto che pianga solo.

Confrontiamo Gaia e Danilo si portano 2 anni e 4 mesi di differenza e hanno lo stesso virus con gli stessi effetti e problemi. Confrontiamoli giusto per dire che le femmine sono femmine dalla nascita e i maschi ahimè sono maschi dalla nascita.

mf

Con Gaia siamo al mare quindi non in casa ma per fortuna siamo in camper. La sera mangiucchia, a colazione pochissimo mi sembra stranissimo le misuro la febbre ma non ne ha lei non rinuncia al costume e primo bagno della stagione, a pranzo non ha appetito e senza dir nulla si mette a letto, le rimisuro la febbre ce l’ha, tachipirina, fa effetto ed è di nuovo come nuova. Lamenta mal di gola, non riesce a mangiare ma comunque cerca di farlo!
Questa è la femmina!

 

SUP

Danilo mi chiede insistentemente come mai i fratelli hanno la febbre e lui no, dice che ha mal di bocca … Lunedì tardo pomeriggio mentre stiamo tutti tranquilli lo vedo rosso rosso lo tocco, scotta, gli misuro la febbre 38°, mi chiede “mamma ma ho la febbre?” e io “si!” e mi sono condannata a vita! da quel momento è ufficialmente malato! Un momento prima schiacciava i semi di sesamo col mortaio con una forza da maciste come pronuncio le due letterine “si” diventa uno straccio! Comincia a piangere, ha mal di bocca, mal di orecchio … non vi sto a raccontare per mettergli la suppostina di tachipirina … Tanto dal pianto si addormenta sfinito! Non mangia ha mal di tutto, gli proponiamo il gelato per cena e lui rinasce il tempo di sdrammarsero in due secondi e poi ricomincia. Il padre lo sistema a letto nel giro di 5 minuti, ma lui non se la sente di stare solo … a troppo mal di tutto!!!! Si riaddormenta ma piange e urla anche nel sonno. Dopo 4 ore la febbre è aumentata ancora allora andiamo di nurofen … la mattina alle prime luci dell’alba comincia a urlare nuovamente … ha mal di orecchio, bocca, pancia no ha solo fame … mentre si avvia in cucina vomita e poi mangia uno yogurt e si sente meglio … la febbre agli altri è durata 1 giorno … a lui ha una durata indefinita!
Questo è il maschio!!!!!

BAMB MAL

allora ditemi quello che volete ma femmine contro maschi non c’è partita siamo sempre noi a portare i pantaloni già dall’infanzia!
lo scorso w.e. ho fatto l’amplein … allora ho vinto qualche cosa?????

W LE MOM!!!!!

2,352 Visite totali, nessuna visita odierna