Archivio dell'autore: Clara Longo

MOM, in forma!!!

Alzi la mano chi di voi dopo due gravidanze ha lo stesso fisico che aveva prima!!! Mmmmm… vedo pochissime mani… La mia è proprio sottoterra visto che dopo 2 gravidanze ho 10 kg in più che, PER FORZA, devo smaltire. Ok, parzialmente giustificata perché ho partorito relativamente da poco (quasi 9 mesi) e allatto ancora.

Dopo aver messo famiglia, a “disturbare” la nostra tranquillità non ci si mette solo la task force figli-casa-lavoro-marito-cucina ma si aggiunge il fatto che spesso ci guardiamo allo specchio e non ci riconosciamo più, ci vediamo sciatte, con qualche kg in più, non ci piacciamo, diventiamo insicure, asociali e qui si scatenano altri mille aspetti. Cosa dovremmo fare? Cullarci nelle nostre pantofole, nel nostro pullover infeltrito? Certo che no… bisogna reagire!!

Grazie al Cielo, anche in questo internet, tanto odiato per alcuni aspetti, mi viene in aiuto. Tramite un’amica ho scoperto un bellissimo mondo, il mondo del fitness a casa. Eh? Sì, preparate tappetino, pesetti, reggiseno sportivo, scarpette e completino sportivo, si lavora! Non ci sono scuse, bisogna ritagliarsi 30-60 minuti al giorno per volersi bene, per volersi sentire meglio, scattanti, elastiche e non appesantite dalla noia della routine quotidiana. Vedrete che i benefici non tarderanno ad arrivare e magari si perderà anche una taglia (o più). Che felicità poter reindossare i vestiti acquistati prima della gravidanza! Che felicità vedere che il sedere ha finalmente una forma, che le cosce non sono più mollicce, che riusciamo ad avere il fiato per scattare dietro al nostro pargolo che corre come un razzo!!! E vedere il nostro fisico che ritorna ad avere una forma che ci piace, ci fa tornare la voglia di curarci di più, di vestirci bene, di uscire. I mariti/compagni ringraziano e i nostri figli sono molto più felici di vedere una mamma in pace con se stessa!!

workout

Come funziona tutto questo? La nostra ancora di salvezza si chiama Workout Italiahttp://www.workout-italia.it/. Qui ci sono tutti gli allenamenti studiati per il fitness at home che possono essere seguiti online del tutto gratuitamente. Poi se si vuole acquistare il DVD lo si può anche fare, ci sono i link ai siti in cui si comprano. Come fare a scegliere il workout migliore per sé? Bisogna fare il test prima del peso (http://www.workout-italia.it/come-calcolare-peso-ideale-e-bmi/) e poi del workout da fare in base ai kg da perdere (http://www.workout-italia.it/scegli-il-tuo-workout/). I workout sono inseriti per colore: dal bianco, i più semplici, adatti per chi ha molti kg da perdere, al nero, i più tosti. Comunque, anche se non avete molti kg da perdere, se non siete allenati, conviene iniziare dai bianchi che fanno riabituare il corpo all’attività fisica.

Un consiglio: iscrivetevi al gruppo di Workout Italia su Facebook https://www.facebook.com/groups/workoutitalia/. E’ estremamente motivante! Ci sono più di 40.000 persone che come te vogliono tenersi in forma. Tante sono partite da pesi molto alti e mostrano i loro risultati e la loro nuova vita. Altri sono all’inizio e cercano compagni di workout per lavorare meglio. Poi negli album del gruppo, ci sono, per ogni workout, i link ai video su youtube o vk, quindi il materiale da utilizzare per lavorare da casa.

Io ho iniziato da quasi 2 mesi. Ho riacquistato fiato, ho perso molti cm, mi sento molto meglio. Certo, se mi mettessi anche a dieta riuscirei a raggiungere risultati ancora migliori, ma di questo ne parliamo un’altra volta!!!

1,325 Visite totali, nessuna visita odierna

Le cartellate

Il post di oggi è interamente dedicato a Loro Signorie Magnificenti Le Cartellate, dolce tipico del nostro Natale materano. E che io ADORO!!! E apprezzate tutto questo lavoro che ho fatto: ho impiegato circa 3 ore per prepararle!! Anche se poi tocca a me mangiarle… e a voi NO!!! aaahahahaahahahahahahah 😀

Come si preparano?

INGREDIENTI:
500 gr di farina 0
3 tuorli
1 uovo intero
30 gr di zucchero
50 gr di burro
1 pizzico di sale
1 bicchiere di vino bianco o vermuth
1 cucchiaio di olio
olio per friggere

PREPARAZIONE:
Preparare l’impasto delle cartellate mescolando tutti gli ingredienti tranne il vino che viene aggiunto durante l’operazione per amalgamare il tutto. Lasciare riposare l’impasto per un quarto d’ora circa.

Preparare quindi la sfoglia, servendosi di un matterello o di una macchina per fare la pasta. Tagliare la sfoglia a striscette lunghe e con una larghezza di 2-3 cm. Ogni striscetta va “pizzicata” ad intervalli regolari e poi va arrotolata su se stessa in modo da formare una specie di rosa, attaccando i lati esterni tra di loro durante l’arrotolamento per evitare che la cartellata si apra durante la frittura. Lasciare riposare le cartellate per una ventina di minuti prima di friggerle in modo che si seccano un pochino.

Preparare una pentola con abbondante olio e farlo riscaldare. Ora le cartellate si possono friggere. Bastano un paio di minuti.

Potete tranquillamente prepararle anche qualche giorno prima di servirle. Basta lasciarle raffreddare bene e conservarle in un contenitore di latta. Quando bisogna portarle a tavola, si passa una spolverata di zucchero a velo e cannella tritata o un filo di miele con la codette colorata o un filo di vincotto.

Enjoy your meal!!

1,436 Visite totali, 1 visite odierne

CineMOM a caccia di Cartoon!

10298641_10202951362417303_7821045589451483169_o

Ha inizio oggi, venerdì 2 maggio, alle ore 17.30 presso il Cinema Piccolo di Matera la rassegna “A caccia di Cartoon” organizzata e promossa dall’associazione MOM con la collaborazione del Cinema Piccolo Duni Patron Antonio.

Si comincia con una rassegna di classici Disney per vivere insieme la magia del cinema: non più sol davanti alla tv ma insieme a tanti altri coetanei, alla scoperta del valore del silenzio, dell’attenzione, della condivisione di un momento di crescita. Le trame semplici e lineari, i personaggi ben identificabili dei loro ruoli, rendono queste visioni accessibili anche ai più piccoli.

La rassegna prevede 7 appuntamenti ogni venerdì alle 17.30 al Cinema Piccolo di Matera:
– Pinocchio, 2 maggio (88 min.)
– Cenerentola, 9 maggio (74 min.)
– Peter Pan, 16 maggio (77 min.)
– Biancaneve, 23 maggio (84 min.)
– Bambi, 30 maggio (70 min.)
– Dumbo, 7 giugno (64 min.)
– Corti Disney, 14 giugno

Il costo del biglietto è di € 3,00 per i tesserati MOM e € 4,00 per i non tesserati.

I bambini pagano dai 2 anni in poi e se si acquista l’intero pacchetto 2 visioni sono gratuite.

L’associazione anche con questa iniziativa prosegue il suo impegno nella creazione e ricerca di spazi in città che possano diventare luoghi di incontro e di scambio tra chi quotidianamente si confronta sui i temi dell’educazione e della crescita dei propri bambini. Questa rassegna rappresenta solo un primo avvicinamento al mondo del cinema e dell’arte in generale. Unitevi a noi, partecipate con i vostri bambini e inviateci suggerimenti per i prossimi appuntamenti.

1,340 Visite totali, nessuna visita odierna

L’asciugatrice: alleata ormai indispensabile nelle faccende di casa

Ormai in tutte le case “moderne” non può mancare. Ok, lavatrice, lavastoviglie… ce l’hanno tutti. La tendenza di questi ultimi anni è di riservare un posticino della nostra casetta anche ad un altro nuovo “aiutante”, indispensabile per molti (come me): l’asciugatrice.

Qui al Sud è arrivata da pochi anni. Grazie al nostro amato sole, che scalda e asciuga piuttosto rapidamente il nostro bucato anche nei mesi invernali, fino a pochi anni fa non era utilizzatissima. Ma ora che tutte noi casalinghe disperate l’abbiamo scoperta non ne possiamo più fare a meno.

All’estero il discorso è diverso, soprattutto a Nord dell’Italia l’asciugatrice è presente in tutte le case al pari della lavatrice. Loro non possono davvero permettersi di asciugare i panni all’aperto. Anzi, nell’Europa scandinava non esistono neanche i balconi, per non far raffreddare troppo gli appartamenti con quelle temperature gelide.

Io l’ho scoperta durante il mio soggiorno in Belgio e, complice il fatto che a casa mia non ho un balcone dove stendere, è finita, quasi quattro anni fa, dritta dritta nella mia lista nozze. L’ho posizionata sopra la lavatrice, visto che non ho molto spazio. Ovviamente entrambe hanno la carica frontale. Personalmente ho un’asciugatrice di marca Bosch con capienza di 8 kg di classe B. Io mi ci trovo molto bene visto che si autoregola il tempo di asciugatura in base al peso e ha un programma specifico per la lana.

Vogliamo analizzare vantaggi e svantaggi nell’uso di questo elettrodomestico?

Vantaggi:
1) E’ comodissima visto che prendi la roba così come sta nella lavatrice e la metti direttamente nell’asciugatrice. Sconsiglio di mettere la lana o capi delicati con i programmi “normali”. Personalmente mi è capitato di rovinare dei capi di lana, quindi non ci provate neanche. Non vanno messe anche le bavette plastificate visto che a quella temperatura la plastica si deforma e quindi la bavetta si rovina.
2) I capi escono morbidissimi. Soprattutto gli asciugamani. Sono una goduria. Ma anche slip, magliette di cotone. Tutte morbide e profumate.
3) Le asciugatrici classe A+ consumano davvero poco. Anche se costano tanto. A questo punto occorre fare un’analisi dell’uso per capire se conviene risparmiare qualche centinaia di euro prendendo una classe B. Personalmente utilizzo l’asciugatrice quasi a ritmo continuo di sabato e di domenica e ho una tariffa di energia elettrica che mi permette di pagare pochissimo nelle fasce serali e nel fine settimana e tantissimo di giorno e pomeriggio nei giorni feriali. Poi comprare un elettrodomestico di classe A per risparmiare e avere in casa solo faretti alogeni e non lampade a risparmio energetico o LED è un controsenso. Io con la classe B di asciugatrice e con gli altri elettrodomestici di classe A ho una bolletta abbastanza bassa perché in casa ho solo lampadine a risparmio energetico o LED e perché utilizzo gli elettrodomestici quando pago di meno l’energia elettrica.

Svantaggi:
1) I capi posso uscire un po’ stropicciati. Per questo consiglio di utilizzare il programma “stiratura con ferro” e di stirare (o piegare) i capi subito dopo che escono dall’asciugatrice. Il risultato sarà migliore anche in termini di tempo. In alternativa occorrerà bagnare i capi e stirarli inumiditi;
2) L’asciugatrice riscalda molto l’ambiente. E’ meglio non utilizzarla in estate. In inverno può essere un vantaggio visto che durante il suo operato è possibile non accendere il riscaldamento in quella stanza;
3) Se prendi una classe B, attenta ad utilizzare altri elettrodomestici contemporaneamente perché se no scatta l’interruttore.

Ok, non mi viene in mente più niente.

Se hai anche tu questo elettrodomestico e vuoi dire la tua, scrivila nei commenti. Così rendiamo questo post pieno di esperienze e partecipazione. Magari saremo di grande aiuto a qualcuna che vuole scegliere se prendere o no l’asciugatrice.

7,010 Visite totali, nessuna visita odierna

Benvenuto!

Ciao!

Questo è il nuovo spazio virtuale del gruppo MOM – Mamme Materane all’Opera che raccoglie pensieri, domande e consigli delle mamme materane su Facebook.

Qui troverai curiosità sul mondo della mamma e del bambino, visto nella dimensione locale della nostra città, Matera, e in quella anche di chi è originario della nostra città ma vive altrove.

Buona navigazione e siamo aperti ad ogni tipo di suggerimento per migliorare ed arricchire questo spazio.

1,279 Visite totali, nessuna visita odierna