Il mio Natale da quesiti matematici

 

di Nadia Zangone

 

Esattamente a NATALE di cinque anni fa, scoprii di essere in attesa del mio primo bimbo, Paolo.
I segni erano inequivocabili: apparente ritardo, nausea, rifiuto di cibo e quella sigaretta fumata all’aeroporto (l’ultima) al rientro da Milano che sapeva di novità.

Il mio percorso da neo mamma è sempre stato meraviglioso; disturbi fisici a parte, ho sempre creduto che il momento in cui avrei tenuto in braccio il mio bambino sarebbe stato speciale e sarei stata pronta ad affrontare qualsiasi prova la vita mi avesse messo
davanti.

In realtà non è sempre vero l’assunto “quando nasce un bambino , nasce una mamma”.
Quando nasce un bambino nascono tante cose: emozioni, paure, gioie, dolori; nessun libro è mai così preciso sulle spiegazioni di come comportarsi e mai nessuna persona che incontri darà mai la soluzione e le risposte a ciò che chiedi. Si cresce pian piano insieme, ci si conosce, ci si comprende , ci si unisce sempre di più in un legame speciale, unico.

Per me questo Natale avrà il sapore della novità, nell’attesa del mio secondo piccolo dono che nascerà a Marzo.

Il mio personale avvento non sarà solo attesa e avrà il significato del divenire: sarà il legame speciale di due fratelli e della mia ulteriore crescita come mamma.
Magari una mamma imperfetta ma più consapevole, forse ancora inesperta ma con un po’ più di corazza per far fronte alle circostanze avverse (anche se poi lo ammetto basta un lamento strano di mio figlio per farmi tremare le gambe); forse meno spaventata del momento del parto in sé ma più preoccupata nella prospettiva di gestione di due bambini insieme.
Questo Natale sarà quello del divenire come personale trasformazione di una famiglia che si allargherà e sarà pronta ad accogliere il miracolo della vita.

Una sola domanda mi tormenta dal primo giorno; come riuscirò a “dividere” il mio amore? Sarò in grado naturalmente di dedicarmi ad entrambi i miei figli senza far pesare la mia assenza o presenza? Non sono particolarmente brillante in matematica, quindi prendo per buono quanto mi hanno riferito altri genitori con più figli ovvero che l’amore si moltiplica.
A questo interrogativo io ancora non so rispondere; sicuramente la naturalezza dei sentimenti permetterà di avere le risposte che cerco e di giostrarmi perfettamente nel mio ruolo di mamma Bis.

Una cosa è certa: per tutti gli altri interrogativi, dall’allattamento al cambio pannolino, dal tema vaccini alla scelta scuola, non ho dubbi, basta chiedere alle Mom, a questo fantastico gruppo a cui appartengo proprio da quattro anni.

Buon Natale a tutto il gruppo!

Ps. Vado un po’ fuori tema Natalizio: visto che anche Chiara Ferragni e la principessa Kate partoriranno presumibilmente nei miei
stessi giorni, mi raccomando cercherò il vostro supporto social per il mio grande evento.

843 Visite totali, 1 visite odierne

Rispondi