Il Leone e l’Uccellino

Ci sono libri che bisogna leggere più volte per comprenderli e farseli piacere… e poi ci sono libri che ti catturano all’improvviso… BOM!!!!… un colpo di fulmine. Sfogli le pagine e non vedi l’ora di leggere e di guardare la prossima illustrazione, perché la lettura ti regala emozione e benessere.

Questo è lo stato d’animo che ho provato sfogliando questo libro, ancora prima di proporlo a mia figlia:

Il leone e l’uccellino, di Marianne Deduc Ed. Orecchio Acerbo.

leoneuccellino-05

Poi l’abbiamo letto insieme e forse, per la prima volta, la lettura mi ha così emozionato fino a trattenere le lacrime e Letizia mi ha chiesto di leggerlo e rileggerlo ancora e ancora.

La storia: dolcissima.

01

Siamo in autunno, un leone sta lavorando al suo orto, nel cielo passano stormi di uccelli che migrano verso le terre calde; a un tratto il leone sente un rumore.

È un uccellino ferito che è caduto per terra… il leone lo raccoglie e lo cura… ma nel frattempo lo stormo è andato via. Allora il leone decide di prendersi cura di quell’esserino e portarlo nella sua casa.

02

Inizia quindi una storia di amicizia, il leone e l’uccellino vivono insieme una vita scandita da piccoli gesti e momenti di quotidianità e gioia condivisa.

03

Arriva l’inverno e la neve che tutto copre, ma l’uccellino è al calduccio nella criniera del leone e il tempo trascorre sereno fino al ritorno della primavera. Ma, con la primavera, tornano anche gli stormi degli uccelli… e il nostro uccellino deve andare con loro, mentre il leone lo saluta e lo lascia andare… perché è la vita

04

Il finale non lo svelo, per non rovinarvi la sorpresa.

Vi dico, invece, cosa questa storia racconta.

Racconta dell’importanza del prendersi cura dell’altro, dell’amore, dell’amicizia e del rispetto tra essere diversi. E anche del rapporto tra genitori e figli… genitori che amano e si prendono cura dei propri cuccioli, li accompagnano nel loro crescere… e accanto all’amore c’è il rispetto per la vita dei figli e la capacità di lasciarli andare per la loro strada perché, come dice il libro, “è la vita”. Ma nel libro c’è tanto e tanto altro ancora.

05

Le illustrazioni lievi, raffinate e delicate come la storia, il testo essenziale; gli spazi bianchi che scandiscono i tempi delle stagioni e degli affetti sono di grande impatto emotivo… e i bambini non hanno difficoltà a entrare in empatia con i personaggi e con la storia.

È un albo che, sono certa, farà breccia nel cuore dei bambini e delle mamme e dei papà che vorranno regalarsi questo momento di condivisione con loro… questo libro ve lo straconsiglio.

Marinella

1,341 Visite totali, 1 visite odierne

Rispondi