Mi dispiace per la nonna…

Una delle raccomandazioni del Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro (WCRF) è di limitare il consumo di alimenti ad alta densità calorica ed evitare il consumo di bevande zuccherate. Gli alimenti ad alta densità calorica sono generalmente i cibi prodotti industrialmente, precotti e preconfezionati, ricchi di grassi e zuccheri. Ne fanno parte anche le tanto amate merendine e biscotti che ci vengono propinati dal mondo televisivo, dove tutti sono felici, con il sorriso sulle labbra. E magari vivono beatamente con la loro amica gallina chiusi in un magnifico mulino immerso nel verde dei campi…

Beh, ogni tanto ci può anche scappare una confezione di qualche prodotto “felice”, ma io con grande sgomento vedo dei bimbi che quotidianamente li mangiano. Allora uno dice : facciamo una bella ciambella della nonna! Magari con 300 grammi di farina super raffinata, altrettanto di zucchero, usiamo il burro e ovviamente le uova, che non devono mancare mai… Ma direi che così abbiamo fatto solo un buco nell’acqua, abbiamo creato una ciambella troppo bellabellabella e pesante…

Allora io vi chiedo: avete mai provato lo strudel di mele? Non quello fatto con la pasta sfoglia, come lo faceva la mia mamma, ma con la pasta frolla un po’ insolita, senza uova e senza burro, con un pochino di zucchero. Con le mele dolci, l’uvetta e le noci. E tutti assieme ci forniscono la dolcezza giusta e soprattutto tante di quelle vitamine e minerali che mai e poi mai potremmo trovare in una merendina industriale. Sapete che le noci sono ricche di ferro, calcio, magnesio, potassio, fluoro, rame, zinco e fosforo? Che risultano utili per fissare il calcio nelle ossa?

Lo strudel di mele fa parte della tradizione culinaria della Repubblica Ceca. Mia madre lo faceva spesso poiché la sua preparazione è abbastanza semplice e veloce. Da piccola mi rifiutavo di mangiarlo, mentre mia sorella ne andava ghiotta. Ora da grande posso dire che lo adoro! Meno male che i nostri gusti si evolvono…

strudel pronto

Ingredienti:
150 g di farina “0”
150 g di farina integrale di grano tenero
70 ml di olio extravergine d’oliva
50 g di zucchero integrale di canna
130 ml di acqua
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 mele rosse
100 g di uvetta
10 noci
1 cucchiaino di cannella in polvere

Con le due farine, zucchero, olio, acqua e lievito preparate un impasto liscio e morbido. Lasciate riposare a temperatura ambiente almeno per 30 minuti.

Nel frattempo grattugiate le mele (con la buccia) sulla grattugia a fori larghi e mescolate assieme con le noci sgusciate e spezzettate, l’uvetta e la cannella. Così abbiamo la nostra farcia.
Stendete la pasta sottilmente e possibilmente a forma rettangolare. Io la stendo direttamente sulla carta forno che mi aiuterà ad arrotolare il dolce (nel caso in cui la pasta si attaccasse sul mattarello, allora metto la pellicola sopra la pasta e stendo comodamente… ).

Adagiatevi la farcia,piegate prima i lati più stretti (di 2 cm circa) e arrotolate.

strudel 2strudel 3Cercate di far trovare la sigillatura sotto.

Con i rebbi di una forchetta praticate dei forellini per far fuoriuscire il vapore, creatosi durante la cottura.

strudel 4

Fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti.

Una golosità in più: alla farcia potete aggiungere 70 g di cioccolato fondente al 70% spezzettato. Non rimarrete delusi…

1,563 Visite totali, 1 visite odierne

Un pensiero su “Mi dispiace per la nonna…

Rispondi