La mia vita!

E’ da quando sono diventata mamma, o forse anche un po’ quando ero in attesa, che penso di non essere più un individuo, ma di valere doppio, o di valere solo in funzione di qualcun altro… Quando avevo la panza, dovevo stare attenta a mille situazioni, come se la mia coscienza non fosse sufficiente a capire cosa potessi fare e cosa no. Poi sono diventata mamma e non ho più avuto il tempo e la forza per continuare a essere anche Tiziana, ingegnera, ragazza curata, amante delle uscite, delle cenette preparate per gli amici, appassionata praticante di cake design ecc… In un anno ho dovuto archiviare gran parte del mio essere, e se da un lato lo rifarei altre 1000 volte, dall’altro non vedevo l’ora di tornare in me! O forse dovrei dire di tornare a essere ANCHE quella che ero prima.

Ne è trascorso di tempo ma ora sento corretto riprendere il mio lavoro e le mie passioni; far risalire la mia autostima… e allora ecco il mio diario di inizio settembre…

Mio figlio comincia il nido, il distacco è duro, ma vedo che si sta abituando bene, ora quando torno a prenderlo è sereno, quasi esita a ritornare tra le mie braccia, ed io sono rincuorata.

In studio mi riorganizzo, fino a giugno avevo adibito la mia stanza a ludoteca, nel disperato tentativo di intrattenere il baby mentre io tentavo piccoli lavoretti. Ormai la scrivania è al suo posto, resta un bel pacco di giochi in attesa di collocazione migliore, proprio sotto la mia pergamena di laurea, non si sa mai, dovessi scordarmi il mio duplice ruolo. Devo ancora sistemare il materiale accantonato per un anno, carte varie in una perenne e languida attesa. Fatto tutto questo posso ricominciare… E da dove se non da un progetto che mi riguarda da vicino? Non so se rimarrà un sogno nel cassetto ma per ora io ci provo!

E tra una soluzione progettuale e l’altra eccomi a coltivare il mio nuovo hobby… scrivo!

Ho anche la facoltà di organizzarmi un’andata al parrucchiere… quasi mi sento bella!

E come succede sempre nella mia vita, il capitolo ricomincia con una bella dieta, sento che ho la forza e determinazione per riuscirci!

Il pomeriggio Giulio è di nuovo con me, un po’ giochiamo, un po’ lo strapazzo, un po’ andiamo in campagna dai nonni, un po’ passeggiamo e ritroviamo gli altri nonni… e poi c’è l’ultimo sforzo che si protrae anche fin dopo le 23.00 per farlo addormentare. E poi è così tardi e sono così stanca, e di sicuro anche mio marito lo è, che ci dedichiamo troppo poco tempo.

Una vita piena ma sono contenta di avere aggiunto MIO FIGLIO nella MIA VITA!!!

Credo che al giorno d’oggi la donna avverta un duplice bisogno, quello di lavorare per necessità primara e di emancipazione, e quello più istintivo e naturale che riguarda la famiglia. E’ proprio difficile conciliare le due cose ma la donna moderna è davvero un congegno multitasking, è in grado di svolgere tutte gli impegni che si crea… essì perchè non sappiamo mai tirarci indietro.

 

1,613 Visite totali, 2 visite odierne

3 pensieri su “La mia vita!

  1. Loredana Social Pet

    Come ti capisco. ..prima che arrivasse Maia ero una lavoratrice instancabile e sempre entusiasta, ero sempre allegra e curata e mi dedicavo al mio compagno e ai miei amici. ..tutto d’un tratto è cambiato tutto: ho perso il lavoro, mi sono proiettata sul mio nuovo progetto e…scopro di essere in attesa! !! Sapevo già che avrei dovuto sospendere tutto per portare avanti una gravidanza delicata. ..oggi Maia ha 4 mesi e ho tanta voglia di tornare nei miei “panni”…vorrei sviluppare in prima persona il mio progetto lavorativo, vorrei sentirmi in forma, dedicarmi al mio uomo, rivedere gli amici che mi sono rimasti accanto ma… mi assilla una domanda: qual’è il momento giusto? Ho aspettato tanto la mia Maia e il solo pensiero di affrettare i tempi mi ferisce…mi sento in un limbo…magari quando sarà il momento giusto passerà il senso di colpa. .. speriamo!

    Replica

Rispondi