Lullaby

336106__anne-geddes-children_p
Le dinamiche familiari,
immobili come un ossimoro.

La particella impazzita,
cosa ne sarà della sua strada.

Si annega, si asciuga.
E i segni sulla pelle, quelli del tempo
o della vita.

E se le cose fossero semplicemente
così: molli come questa carne.
Come le cosce nello specchio,
come le forme della donnamamma,
nella sostanza ancora infante.

E se riuscissi a contenermi,
a tenermi con me, almeno.
E se finissi domani,
bruciata dal cerchio di fuoco
per un salto estremo, mal calcolato?

Piccole mani spettinano i pensieri,
e tirano i capelli come campane,
per riportarmi a me, a lei,
a noi.

 

[un libero flusso di coscienza da mamma a figlia durante la poppata serale 🙂 Era il 15 aprile 2013. Buone vacanze MOMS!! ]

p.s. I credits dell’immagine sono di Anne Geddes Official

 

1,739 Visite totali, 1 visite odierne

Rispondi