Qui comando io!!!!!!

Articolo scritto a quattro mani da Angela Amendolagine e Marisa Calciano

neo

Nasce un pargoletto bello bello, buono buono, mangia, dorme (vabbè dorme…) e fa la cacca … comincia a gattonare, i primi passetti, le prime paroline, come è carinooo. Ah, però: guarda che caratterino se vuole qualcosa! poi un giorno quel caratterino sfocia improvvisamente in un caratteraccio…

terrib

Qualcuno vi aveva già detto come un uccello del malaugurio “questo a voi vi metterà in riga” (riferito al bambino…) e infatti… c’è lo scatto da un anno ai terribili due anni … che poi non sono solo i due anni … ci saranno i terribili tre, poi quattro, poi cinque fino ad arrivare ai terribili teen.

images20O7B9ME

E noi poveri genitori? Soprattutto per il primo figlio siamo impreparati, spaventati, a volte mortificati per le urla e i capricci che sfociano OVUNQUE a casa e per strada.

Già dalla prima crisi sappiamo di aver bisogno di aiuto!
Così ci ritroviamo – SOLO MAMME (chissà perché i padri delegano…) in una sala con una dottoressa in pedagogia che ci dice “semplicemente” che sono i GENITORI a COMANDARE e non i mocciosetti!!!! lei lo dice con fermezza e decisione e noi tutte ad annuire con la testa e a pensare “mo che vado a casa speriamo che quel monello abbia una crisi di nervi così metto subito in pratica gli insegnamenti!” Per 2 ore ci sentiamo i capi ascoltando la dottoressa e osservando le slide (evitando però gli sguardi con le altre mamme che invece parlerebbero da soli e direbbero “madò, finora abbiamo sbagliato…speriamo bene da mo in poi…”).
Impariamo che quando i bambini fanno i capricci dobbiamo essere dure, decise, dobbiamo ignorarli, non assecondarli e soprattutto MAI CEDERE (nella realtà delle urla casalinghe sentire un pianto straziante per 2 ore – perché i baby monsters sono bravissimi a non stancarsi facilmente – non è semplice soprattutto se c’è tua madre o chiunque altro che ti dice “accordalo a quel figlio che mo si ammalerà, mo gli verrà la febbre!!!” no. non è semplice, ma nemmeno impossibile!

imagesT46F1U8P

 Il cuore di mamma è turbato da quegli occhioni pieni di lacrime e spesso reagisce allo stesso modo, si strugge nel tentare di capire qual è il problema???, me è importante sapere che escluso un malessere vero e proprio, il resto sono capricci di cui la gran parte nasce da un bisogno di coccole oppure dal bisogno del bambino di cominciare ad affermare la propria identità dicendo dei NO oppure opponendosi alle decisioni dei genitori.
Quello che resta è la frustrazione di un genitore nell’affrontare un capriccio anche banale come “non voglio sedermi a tavola per mangiare!” e la certezza che dirgli “vabbù fai come cavolo vuoi, mangia sul divano!” lo disorienterà, lo metterà paradossalmente in crisi.

genit

Perché i bimbi da noi si aspettano regole per crescere sicuri e una regola famigliare, seppure apparentemente contestata, deve rimanere tale. Le eccezioni concesse solo per assecondare un capriccio fanno più male che bene e danno modo ai bimbi di capire che ci sarà sempre margine per ottenere un SI da un genitore sfinito. In pratica gli serviamo su un piatto d’argento la ricetta per i futuri capricci. Noi mamme del 3000 dobbiamo capire che in un mondo in cui tutto è a portata di mano non possiamo crescere e allevare bambini a cui tutto è dovuto altrimenti getteremo le basi per ragazzi e poi uomini o donne insoddisfatti, che non apprezzeranno mai quello che hanno. Ho combattuto negli anni passati affinché il natale non fosse pieno zeppo di regali e regalini perché non vengono apprezzati dai bambini che presto si stancano di tutto e chiedono altro.
“Qui comando io” non significa creare dei soldatini che devono obbedire e basta (perché troppo spesso culturalmente un bambino è bravo quando sta al suo posto e non rompe le scatole ai genitori), no! “qui comando io” significa far rispettare i ruoli e insegnare ai bimbi che fare i capricci non è il modo giusto per ottenere qualcosa o per farci cambiare idea.

P.S. un genitore che ha gestito bene i capricci dei propri figli, verso i suoi 6 anni ne raccoglierà i frutti. VI TROVATE??ma e pa
PICCOLO SEGRETO CHE CI HA SVELATO LA DOTT. E CHE CONDIVIDIAMO CON VOI … QUANDO PIANGONO COME I PAZZI USATE I SUONI DELLA NATURA E IN PARTICOLARE IL CINQUETTIO DEGLI UCCELLINI … FUNZIONA!!!!!!!

2,598 Visite totali, 1 visite odierne

2 pensieri su “Qui comando io!!!!!!

  1. Stefania

    bellissimo articolo, un riepilogo utile degli incontri con la pedagogista. Faccio ammenda, quando sono molto stanca mentalmente dico anch’io “fai come vuoi!”, mamma mia, che errore, mi devo sforzare davvero di più. grazie MOMs!

    Replica

Rispondi