“aMeÈCapitatoDiPeggio!”

L’altro giorno una cara amica mom ha messo un link di un blog molto divertente delle mamme “cazzare” e mi è venuta in mente un’altra categoria di mamme, sono le mamme “aMeÈCapitatoDiPeggio!”.
Generalmente questa categoria di mamme o di zie sono un po’ avanti nel tempo rispetto a noi inesperte e sprovvedute mamme alle prime armi!

nn

Puoi spaziare in qualsiasi argomento dal più banale al più complesso che la mamma “aMeÈCapitatoDiPeggio!” lo ha già vissuto come tragedia e risolto sul filo del rasoio rischiando la vita!
Allora si parte dalle cavolate tipo: tu chiacchierando dici che hai mal di unghia del mignolo del piede destro che hai sbattuto la mattina al comodino alzandoti con gli occhi chiusi e lei … “guarda non me ne parlare, a me nel 1815 si è incarnata l’unghia dell’alluce e abbiamo dovuto girare 27 ospedali prima di trovare un chirurgo che mi ha operato a cuore aperto e mi ha risolto il problema all’alluce!”

012

Dici che vuoi togliere il latte ai tuoi figli e comincia a dirti che una volta nel 1816 ha conosciuto una mamma esaurita i cui bambini non bevono latte e le ossa si sono sciolte perché unica fonte di calcio per il ns. corpo …
E così ogni volta che tu apri bocca e ogni volta ti riprometti di stare zitta ma parlando ti scappa una cazzata qualsiasi e si trasforma in tragedia vissuta 200 anni prima.
Tu fai figli nel giro di 2 anni e poiché la scienza e le conoscenze umane vanno avanti ti rendi conto che ciò che avevi fatto per la grande non va più bene per il piccolo e invece lei con i suoi “ai miei tempi” è sempre attualissima!

Oh mamma mia oggi mi sono svegliata con un mal di testa …
Guarda non me ne parlare sono 3 giorni che giro come uno zombie per casa con forti emicranie … ma non mi sono presa niente …
Forse perché le piace soffrire e raccontarlo …

Mio figlio ha qualche decimo di febbre …
Guarda non me ne parlare quando mio figlio era piccolo nel 1817 ha avuto la febbre cosi alta che si è spaccato il termometro e non avendo la patente sono arrivata in ospedale a piedi con lui in braccio, arrivati lì gli era passato tutto …
Un miracolo? O il bambino aveva fatto cadere il termometro e aveva detto che era scoppiato per non prenderle?

Ho avuto travagli lunghi …
Guarda non me ne parlare io ho partorito in casa (ovvio nel milleottocentoequalcosa) e il bambino dopo 16 giorni di spinte è uscito di piedi ….

Ovviamente ho un po’ esagerato per strappare qualche sorriso ma le mamme “aMeÈCapitatoDiPeggio!” esistono e sono milioni di milioni e ti fanno passare la voglia di parlare perché i loro racconti di vita vissuta in tragedia ti mettono di cattivo umore …

W LE MOM … che non si lagnano!!!!!

1,864 Visite totali, 1 visite odierne

Rispondi