Cosa sussurra Dio alle mamme

Regalo di S. Valentino di mio marito: un libro! Finalmente un regalo degno di nota!

Ma, unico neo, anche se io amo leggere, ora non ho proprio il tempo di dedicarmi alla lettura perché quando potrei leggere sono in conflitto con un altro bisogno: quello di recuperare il sonno perduto durante le mie notti insonni. Quando apro il pacchettino, però, vedo che il libro che mio marito ha scelto per me è piccolino, maneggevole ed entra facilmente nella mia borsa alla Mary Poppins. Anche il titolo mi piace: “Cosa sussurra Dio alle mamme”. Mi intriga!

Così, dovendo andare dal dottore da sola senza i bambini, lo porto con me e durante l’attesa inizio a leggerlo..bello! mi prende! Per l’argomento che tratta e quello che dice potrei anche averlo scritto io!

È la storia di una mamma, come me, come tutte, che si ritrova a vivere la sua vita fatta di gioie e dolori, di compromessi e di vittorie insieme alla sua famiglia. Una mamma che pur ritrovandosi ad essere cuoca, lavandaia, stiratrice, governante, maestra, infermiera, educatrice ecc ecc., non rinuncia a riflettere sulla sua condizione, sulla sua vita, a cercare il perché degli avvenimenti e come quegli avvenimenti li può “dirigere” al meglio per una vita  familiare più bella e piacevole.

Essere mamma è un lavoro impegnativo perché una mamma, quando si prende cura del suo bambino, getta le basi della vita dell’uomo futuro, lo aiuta a trovare il suo posto nella vita e col suo amore e le sue cure cementa le fondamenta della sua personalità.

Mentre lo leggevo mi sentivo un po’ meno sola, un po’ più compresa perché la mamma protagonista si pone degli interrogativi che io per prima mi sono spesso posta.

Certe volte, perché negarlo, mi è capitato di sentirmi “stretta” nel mio ruolo di madre. Nel senso che a volte mi sono sentita persa senza aver più la libertà che avevo prima di dedicarmi al mio lavoro, ai miei hobbies, di trascorrere del tempo in libertà e “solitudine” con mio marito… Oppure mi sono capitati momenti di “crisi” vedendo  ragazze a passeggio con abiti e accessori super glamour..ormai io non riesco più ad uscire in un certo modo, perché se no il passeggino coi tacchi come lo “guido”…e se poi devo correre con mia figlia (o, più spesso, rincorrerla)? Se poi metto qualcosa di “particolare” subito mio figlio ne è attratto e inizia a toccare e a tirare e mia figlia lo vuole per sé. Quindi rinuncio..

Per non parlare del tempo uguale a zero da dedicare a se stessa con cui ogni mamma da sempre combatte…c’è sempre qualcosa che viene prima delle esigenze di una mamma e che è più importante: le esigenze dei figli.

Però poi penso: quanto sono sciocca! Quante persone conosco che vorrebbero avere “le catene” che ho io e invece non possono? Per fortuna, poi guardo i miei bambini e mi rendo conto che sono loro la vera ricchezza e che se Dio me li ha dati è perché aveva questo progetto per me..

E’ un bel libro che consiglio alle mamme in attesa perché non sanno cosa le aspetta e potrebbero iniziare a riflettere su tante cose, e anche a chi, come me, è una mamma “navigata” (ma non si finisce mai d’imparare!) perché permette di vedere le cose da un’altra prospettiva, di assaporare il gusto di una vita “affollata”…

Il compito segreto delle mamme è quello di “avvolgere nell’amore ogni membro della famiglia che si avvicina al loro campo di azione” e probabilmente è il compito più importante al quale Dio ci ha chiamato.

“Ogni volta che vi affaccerete dalla finestra della vostra vita, alzate gli occhi da quel davanzale polveroso, osservate il giardino fiorito delle promesse di Dio e ascoltate quanto vi sussurra.”

1,444 Visite totali, 1 visite odierne

4 pensieri su “Cosa sussurra Dio alle mamme

  1. Iva

    Mi hai incuriosito, tra l’altro il libro è scritto dalla mia connazionale. La prossima spesa sarà questo libro. 🙂

    Replica

Rispondi