Parto cesareo o naturale

Mancano meno di 30 giorni al mio parto….. il 14/4/2014 nasce il mio secondo principe!!
Abbiamo scelto proprio una bella data…… tutto organizzato qualche giorno prima il pre-ricovero, tutte le analisi, la mattina con calma il ricovero e poi è fatta!!!! Tutti mi dicono è comodissimo con un altro bimbo piccolo ti ORGANIZZI!!!! Ma io non voglio organizzarmi…. Avrei voluto la sorpresa…..
Ho paura……… questo cesareo organizzato mi fa paura!!!! Tutti mi dicono ma ci sei già passata…. hai già visto come funzione!!!! Si ma è stato diverso non era organizzato…..mi ci hanno portata in sala operatoria il mio primo principe non usciva!!!!!
Vi racconto Alessandro è nato 3 anni fa con il cesareo……. Era podalico…..ma io non mi sono mai rassegnata all’idea di non provare di tutto per poter fare il naturale!!! Ho gattonato, ho praticato tutti gli esercizi indonei affinché il pupo facesse la capriola: ho assunto posizioni in cui la polarità uterina risultasse invertita, ossia testa in basso e sedere in alto, mi sistemavo supina con diversi cuscini sotto il sedere a massaggiarmi la pancia sempre nello stesso senso, mi sono posizionata sulle ginocchia col sedere in alto e la testa in basso mantenendo la posizione per una decina di minuti tutti i giorni……Ma niente!!!!!
Infine ho provato la moxibustione!!! La moxa è un trattamento della medicina orientale che viene utilizzato per scaldare il punto V67 (ossia il punto 67 situato sul meridiano della vescica) per stimolare il feto a posizionarsi correttamente nell’utero materno in vista della nascita.

images

Il punto V67 si trova all’angolo esterno del quinto dito del piede e l’applicazione del calore mediante moxibustione me la eseguiva mio marito nel cortile di casa, ogni sera al chiaro di luna!!!!. Il riscaldamento veniva eseguito accendendo un sigaro di artemisia e applicando il calore, non direttamente sulla cute, ma alla distanza di un “tzun” o “cun”, che corrisponde ad una falange e va eseguito per almeno quindici giorni e sospeso nel momento in cui si verifica il capovolgimento.
Io ero alla trentacinquesima settimana e alla fine del sigaro dopo 15 giorni esatti la sera nel letto il mio bimbo con la delicatezza di un ippopotamo fece la capriola!!!! Ero felicissima e quello che mi rendeva più contenta era condividere con mio marito il momento della nascita. Non mi faceva paura il dolore del travaglio e nemmeno lo sforzo della sala parto ero contenta di aver provato e di esser riuscita anche se invano…… Si perché tutto il mio sforzo è servito a poco la fortuna non è stata dalla mia parte il giorno del parto mi sono imbattuta in un “dottorino” che quel giorno evidentemente non si rendeva conto di dover aiutare una donna a partorire….. quindi morale della favola due giorni di travaglio, due ore in sala parto, una lite con il dottorino per non permettergli di tirare il mio bimbo con la “ventosa”, strumento infernale, e di corsa in sala operatoria per il CESAREO….
Sono passati tre anni ho provato a proporre il naturale e mi hanno risposto con un secco NO…..comunque se servisse a qualcosa farei di tutto per fare il naturale ma a questo punto mi rassegno all’idea e mi organizzo……

images (1)

Manca ormai poco conto i giorni, ma l’attesa li rende interminabili, conto le ore ed i minuti ma vanno troppo lenti….nonostante le mie paure non vedo l’ora di vedere il mio amore e di strapazzarlo di coccole!!!
Naturale o cesareo per una mamma il parto è uno dei momenti più intensi della vita…..ed io auguro a tutte voi buon PARTO!!!!
Buondì ed alla prossima mamma Katia!!!

12,460 Visite totali, 16 visite odierne

7 pensieri su “Parto cesareo o naturale

  1. francesca

    Ti chiedo scusa se posso sembrarti brusca, se vuoi un vbac lo devi desiderare, nessuno te lo regala: io ho avuto il mio parto naturale a 27 mesi dal cesareo, se hai avuto una gravidanza fisiologica, se è tutto nella norma, aspetta che il travaglio si avii e recati in ospedale pretendendo il tuo parto naturale!

    Replica
    1. katia

      Purtroppo x uno scherzo del destino, ho un problema per cui indipendentemente dal primo parto ora devo necessariamente fare il cesareo ho effettivamente omesso qst particolare ma con questo articolo volevo semplicemente incoraggiare le mamme a far di tutto per provare il naturale. ….io si può dire che li ho provati entrambi e ribadisco ke il naturale è il migliore!!!

      Replica
  2. rosa

    auguro un buon parto anche a te!! anch’io come te ho avuto il primo con un cesareo d’urgenza…e per il secondo, partorito un mese e mezzo fa, era stato fissato un cesareo programmato… io contenta, stavolta faccio tutto con calma…blocco l’estetista una settimana prima circa, la valigia ancora mezza piena e tante cose incompiute.. pensando che tanto stavolta farà tutto il mio ginecologo quel giorno lì… e invece sono entrata in travaglio 3 settimane prima…perdite di sangue e ricovero d’urgenza…con io che avevo peli ovunque (essì, perchè tanto è meglio averli un pò più lunghi così l’estetista lavora meglio, ihihihihhi) la valigia incompiuta con buste e bustine che entravano e uscivano dall’ospedale viste le varie dimenticanze….ma per fortuna, nonostante le disavventure il mio “bambolotto” è qui con me e sta bene…siamo mamme, che abbiamo partorito naturalmente o con cesareo siamo mamme…

    Replica
    1. katia

      Certo ke siamo mamme e soffriamo comunque perché riprendersi da un cesareo è difficile!!!!! Il mio dispiacere è qll di nn condividere cn mio marito il momento magico della nascita e nn poterlo toccare subito ma baciarlo dalle mani di un’ astranea !!!!!!

      Replica
  3. Antonella

    Katia come ti capisco! Io ho avuto il cesareo per il mio primo bimbo… travaglio fino a 7 cm e poi sala operatoria d’urgenza per liquido tinto 🙁 so che e’ stato per il bene del mio bimbo ma rassegnarsi non è facile e l’idea di un altro cesareo mi terrorizza, soprattutto per l’idea di dover affrontare una ripresa che, almeno dopo il primo è stata lentissima, dolorosissima e complicata. Un abbraccio e in bocca al lupo!

    Replica

Rispondi